avengers endgame - captain america

Avengers Endgame – la delusione millantatrice

Par­la­re di quel­lo che ormai è diven­ta­to il film che ha incas­sa­to di più nel­la sto­ria del cine­ma, sen­za cal­co­la­re l’inflazione, è qua­si un pro­ble­ma. Un pro­ble­ma poi­ché l’ultimo lavo­ro dei fra­tel­li Rus­so usci­to nell’aprile del 2019 è con­si­de­ra­to dal pub­bli­co e dal­la cri­ti­ca come un capo­la­vo­ro nel suo gene­re. Ma è dav­ve­ro così o si trat­ta di un film mil­lan­ta­to­re?

L’opinione

Cre­do che la secon­da opzio­ne sia più sen­sa­ta. Que­sto per­ché End­ga­me è sta­to pro­mos­so come la chiu­su­ra del pri­mo gran­dis­si­mo arco nar­ra­ti­vo Mar­vel ini­zia­to la bel­lez­za di undi­ci anni fa.

Ma non sem­bra esse­re dav­ve­ro così. Si chiu­do­no due cer­chi nar­ra­ti­vi e ven­go­no anche chiu­si male (se non per l’effetto visi­vo tan­to ama­to dal pub­bli­co). Que­sto film è pub­bli­ciz­za­to come il cul­mi­ne dell’universo cine­ma­to­gra­fi­co Mar­vel ma a con­ti fat­ti altro non è che la diret­ta con­se­guen­za di poche pel­li­co­le, come Thor Ragna­rokInfi­ni­ty war. Per quan­to riguar­da inve­ce l’impostazione del film, esso rac­chiu­de i soli­ti ele­men­ti tri­ti e ritri­ti di casa Mar­vel.

avengers endgame - captain america

la Delusione

End­ga­me sareb­be dovu­to appa­ri­re diver­so, doven­do rap­pre­sen­ta­re il cul­mi­ne di que­sto decen­nio di nar­ra­zio­ne. Il taglio sareb­be dovu­to esse­re più in sti­le Logan: nien­te bat­tu­te di bas­so livel­lo, nien­te ila­ri­tà da pri­ma media e nien­te dia­lo­ghi che ammaz­za­no la ten­sio­ne del momen­to. 

Rap­pre­sen­tan­do poi il mas­si­mo momen­to di debo­lez­za dell’intero uni­ver­so vis­su­to dai per­so­nag­gi, il film avreb­be dovu­to esse­re dram­ma­ti­co, cupo e col­pi­re allo sto­ma­co con le sue scel­te di nar­ra­zio­ne. Pur­trop­po così non è sta­to.

“Aven­gers End­ga­me” non si sfor­za nem­me­no di cer­ca­re di tra­smet­te­re vera­men­te le con­se­guen­ze dovu­te al gesto di Tha­nos. L’anarchia in cui è piom­ba­ta la Ter­ra vie­ne a sten­to cita­ta e non vie­ne det­to asso­lu­ta­men­te nul­la del­la situa­zio­ne del resto dell’universo. 

endgame, avengers, avengers endgame, disney, marvel, cinema

Il film, for­se anche per il trop­po hype, risul­ta quin­di pri­vo di pathos. Le poche sequen­ze vera­men­te emo­zio­nan­ti, non tan­to per la qua­li­tà tec­ni­ca ma per il momen­to in sé, cala­no di qua­li­tà. 

Un altro pro­ble­ma è la man­ca­ta gestio­ne del­le varia­bi­li che i film di supe­re­roi com­por­ta­no: pote­ri che fun­zio­na­no solo in deter­mi­na­ti momen­ti, ogget­ti che a secon­da del momen­to sono più o meno for­ti, per­so­nag­gi che inter­ven­go­no solo in cer­ti casi, etc. Aven­gers End­ga­me è pie­no di que­sti pro­ble­mi e mi vie­ne da pen­sa­re che i fra­tel­li Rus­so non abbia­no nem­me­no pro­va­to a scri­ve­re una sce­neg­gia­tu­ra soli­da, ma che abbia­no sem­pli­ce­men­te volu­to fare la clas­si­ca ame­ri­ca­na­ta in pie­no sti­le Hol­ly­wood per­ché il suc­ces­so eco­no­mi­co e cri­ti­co era già assi­cu­ra­to.

La conclusione

Si potreb­be­ro spen­de­re fiu­mi di paro­le riguar­do ai pro­ble­mi di que­sto film, ma il sun­to è que­sto: una sto­ria che vuo­le esse­re spac­cia­ta come una del­le miglio­ri mai fat­te non intro­du­ce in real­tà nul­la di nuo­vo ed i vari ele­men­ti al suo inter­no pre­sen­ta­no una marea di pro­ble­mi. Vie­ne fat­to cre­de­re che essa sia nar­ra­ta e scrit­ta bene, ma in real­tà pren­de in giro lo spet­ta­to­re facen­do­si pas­sa­re per ciò che non è. 

Tut­to ciò arre­ca un dispia­ce­re a chi come me è un appas­sio­na­to dell’universo cine­ma­to­gra­fi­co Mar­vel, ma che spe­ra in dei film scrit­ti con il dovu­to impe­gno.

Jaco­po Grep­pi

0 comments on “Avengers Endgame – la delusione millantatriceAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.