3%_Serie_Netflix

IL BRASILE DISTOPICO DI 3%

3%_Serie_Netflix

Tan­ti sono i gene­ri tra cui pos­sia­mo sce­glie­re quan­do guar­dia­mo un film o una nuo­va serie tv (dra­ma, action, come­dy) ma uno dei pila­stri ever­green del­la tele­vi­sio­ne mon­dia­le, così come del­la let­te­ra­tu­ra, è l’impronta disto­pi­ca che vie­ne spes­so impres­sa a mol­tis­si­me pro­du­zio­ni cine­ma­to­gra­fi­che.

Con il ter­mi­ne “disto­pi­co” ci rife­ria­mo a tut­te quel­le real­tà fit­ti­zie futu­re costrui­te sul­la base di aspet­ti nega­ti­vi pre­sen­ti nel­la socie­tà attua­le, per­ce­pi­ti da noi spet­ta­to­ri come depre­ca­bi­li, e che ci por­ta­no quin­di a iden­ti­fi­ca­re il futu­ro pro­po­sto come inde­si­de­ra­bi­le e spa­ven­to­so. Si trat­ta per­ciò di ambien­ta­zio­ni deci­sa­men­te distur­ban­ti e ano­ma­le ma alle qua­li la nostra men­te non fati­ca ad adat­tar­si, impa­ran­do­ne sen­za pro­ble­mi rego­le, leg­gi mora­li e sti­le di vita in gene­ra­le, riu­scen­do anzi ad imme­de­si­mar­si facil­men­te nei per­so­nag­gi pro­po­sti.

Que­sto è il caso di 3%, serie tv del­la dura­ta di tre sta­gio­ni la cui distri­bu­zio­ne è avve­nu­ta tra­mi­te la piat­ta­for­ma Net­flix a par­ti­re dal 2016. I pro­ta­go­ni­sti sono que­sti ragaz­zi che, com­piu­ti 20 anni, si sot­to­pon­go­no alla tan­to fami­ge­ra­ta quan­to miste­rio­sa sele­zio­ne, una sor­ta di lun­go e com­ples­so pro­ces­so il cui fine è divi­de­re i par­te­ci­pan­ti in due grup­pi, discer­nen­do le per­so­na­li­tà più “meri­te­vo­li” tra i can­di­da­ti da quel­le non con­si­de­ra­te degne. A tale sele­zio­ne pos­so­no pren­de­re par­te tut­ti i gio­va­ni regi­stra­ti nel siste­ma all’interno del­la gran­de e pove­ris­si­ma area dell’Entroterra, ma solo il 3% di loro avrà le carat­te­ri­sti­che neces­sa­rie per esse­re accet­ta­to nell’idilliaco Off­sho­re, luo­go che sem­bra esse­re pri­vo di vio­len­za e dispa­ri­tà socia­le e a cui tut­ti aspi­ra­no ad arri­va­re, in por­to­ghe­se è chia­ma­to “Maral­to”. La prin­ci­pa­le par­ti­co­la­ri­tà di que­sta fan­ta­scien­ti­fi­ca serie tv è appun­to la sua ori­gi­ne Bra­si­lia­na, che subi­to si fa nota­re sia dal pun­to di vista del­la foto­gra­fia e del­la regia, sia da quel­lo di gestio­ne di tra­ma e ambien­ta­zio­ne.

3% Netflix

Quel­la che ci vie­ne pro­po­sta non è la tipi­ca serie ame­ri­ca­neg­gian­te che fa sfog­gio dei suoi eroi moral­men­te inscal­fi­bi­li e del­la soli­ta tra­ma tri­ta e ritri­ta, ma un’opera mol­to più atten­ta alle sin­go­le per­so­na­li­tà dei per­so­nag­gi, che ven­go­no svi­lup­pa­te mol­to det­ta­glia­ta­men­te e che risul­ta­no rea­li­sti­che e plau­si­bi­li sen­za far­ci alza­re gli occhi al cie­lo ad ogni sin­go­la, pre­ve­di­bi­lis­si­ma paro­la pro­nun­cia­ta.

Visi­bi­lis­si­ma carat­te­ri­sti­ca del­la serie è l’importanza che vie­ne data ai silen­zi, alla sce­na in sé, che ci lascia spa­zio per inda­ga­re tra le paro­le dei per­so­nag­gi, facen­do­ci così svi­lup­pa­re teo­rie sola­men­te nostre. È tutt’altro che satu­ra di dia­lo­ghi, i qua­li risul­ta­no asso­lu­ta­men­te mera­vi­glio­si se ascol­ta­ti in lin­gua ori­gi­na­le, il por­to­ghe­se. Inte­res­san­te anche la scel­ta del cast, com­po­sto uni­ca­men­te da atto­ri di ori­gi­ne ispa­ni­ca o afroa­me­ri­ca­na, che met­to­no in con­tat­to gli spet­ta­to­ri con una varie­tà di etnie ampis­si­ma, riu­scen­do a valo­riz­za­re la diver­si­tà uma­na ad un livel­lo a cui il cine­ma ame­ri­ca­no anco­ra sten­ta ad arri­va­re.

In con­clu­sio­ne, ben­ché non sia più recen­tis­si­ma, 3% è una inte­res­san­tis­si­ma serie stra­nie­ra che pre­sen­ta tema­ti­che di attua­li­tà masche­ra­te da fan­ta­scien­za, destreg­gian­do­si egre­gia­men­te tra for­te sen­si­bi­li­tà uma­na e cri­ti­ca socia­le, scon­vol­gen­do il pub­bli­co ad ogni epi­so­dio.

Emma Schioc­chet

3-per-cento-Netflix